lunedì 16 settembre 2013

Recensione: Heavy Rain



Anche se un titolo un pochino datato, è sicuramonte degno di nota e di una recenzione, anche se veloce. E' un gioco che ha suscitato parecchie discussioni data la sua natura atipica, spaccando in due il mondo dei videogiocatori, da una parte i più oldschool che criticano il taglio troppo cinematografico e la troppa rilevanza della trama nel gioco, e dall'altra i più modernisti che finalmente si trovano fra le mani un titolo di grande impatto e dalla trama matura, in grado di spostare gli standard di storie raccontate e di far capire che il videogioco è perfettamente in grado di raccontare storie più interessanti di "salva la principessa bionda dal malvagio cattivo".

La trama ci vedrà vestire i panni di quattro personaggi: Ethan Mars, padre di due figli, Jason e Shaun, il primo viene investito da un'auto e muore a pochi minuti di gioco, mentre in secondo viene in seguito rapito dal killer degli origami, uno psicopatico che rapisce i bambini e li lascia in un pozzo nei giorni di pioggia fin che non si riempie fino all'orlo affogando la vittima. Scott Shelby, un investigatore privato alcolizzato che indaga sul caso del killer dell'origami. Norman Jayden, un agente dell'FBI con qualche piccolo problema di droga che affianca la polizia locale nelle indagini e Madison Paige, una giornalista che cerca di scrivere il suo articolo sul killer.
Le storie dei quattro personaggi si intrecceranno poi tra loro e li vedranno indagare su l'identità del killer e sul luogo in cui si trova il bambino rapito, mentre il padre, Ethan, caduto ormai in depressione e sempre più vicino alla pazzia, deve riuscire a superare le prove che l'assassino gli propone per riuscire a salvare il figlio.
Un gran titolo, che secondo me rivisita e stravolge le avventure grafiche per console, dove stai giocando, ma praticamente ti godi un film, dove le tue interazioni permettono di arrivare al finale, con varie sfaccettature, infatti ci sono vari conclusioni da sbloccare, tutte influenzate dalle nostre scelte durante il gioco.

Nessun commento:

Posta un commento